Home » Arte e Cultura » Gusto in Scena 2018: la Cucina del Senza: “La Cucina del Senza® incontra il mondo delle spezie”

Gusto in Scena 2018: la Cucina del Senza: “La Cucina del Senza® incontra il mondo delle spezie”

GUSTO IN SCENA; Bruno Vespa, Marcello Coronini, Riccardo Cottarelli, Foto  Romina Greggio

GUSTO IN SCENA; Bruno Vespa, Marcello Coronini, Riccardo Cottarelli, Foto Romina Greggio

GUSTO IN SCENA; Bruno Vespa, Marcello Coronini, Riccardo Cottarelli, Foto  Romina Greggio

GUSTO IN SCENA; Bruno Vespa, Marcello Coronini, Riccardo Cottarelli, Foto Romina Greggio

di Alberto Pagan, foto © ph.Romina Greggio

Nel decennale di Gusto in Scena, un omaggio a Venezia, la città delle spezie.

Gusto in Scena come ogni anno a Venezia, domenica 25 e lunedì 26 febbraio 2018, all’interno della splendida Scuola Grande San Giovanni Evangelista (un complesso architettonico di grande rilievo artistico e storico-culturale)  ha proposto “4 eventi in contemporanea”:

Gusto in Scena, il Congresso di Alta Cucina;

I Magnifici Vini, degustazione di duecento e più vini di cantine selezionate secondo criteri qualitativi e storico-culturali;

Seduzioni di Gola, banco d’assaggio di eccellenze gastronomiche della migliore produzione italiana e internazionale;

Fuori di Gusto, l’evento che coinvolge i migliori ristoranti e i grandi alberghi di Venezia.

 

Operatori chef, sommelier, ristoratori e amanti della cucina, si sono riuniti per confrontarsi e discutere sulle nuove tendenze enogastronomiche.

 

Al Congresso di Alta Cucina sono state presentate le novità della La Cucina del Senza®, senza sale o senza grassi o senza zucchero aggiunti e per l’occasione Marcello Coronini ha presentato in anteprima, dopo l’enorme successo del primo libro della Cucina del Senza® che uscirà a marzo 2018.
Un grande successo che sarà sperimento scientificamente anche dall’università di medicina italiana.

Durante la prima giornata è stato premiato con il Leone di Venezia AEPE il celebre enologo Riccardo Cotarella per il suo impegno pluriennale nella produzione del vino. 
Cotarella ha parlato del suo lavoro e della passione che ancora oggi lo accompagna assieme all’amico Bruno Vespa.
Anche Vespa è dell’idea che il vino non è semplicemente una bevanda ma è cultura, valorizzazione di un territorio e cooperazione.
Per Cotarella una delle cose più importanti da fare è “far apprezzare il vino anche a chi non lo conosce”.

Il congresso si è successivamente concentrato sul food, in ogni sua declinazione, con antipasti, primi piatti e dessert preparati da noti chef che, come ormai da tradizione, si raccontano e cucinano svelando segreti e idee innovative.

 

Condividi: Email this to someonePrint this pageShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0
Autore: admin